ESPERIENZA DI GUSTO!
Scopri i migliori artigiani con i prodotti, le storie e le tradizioni di luoghi unici al mondo.

SELEZIONA LE BONTA'
Ordina in modo veloce e sicuro e rilassati. Al resto pensiamo noi.

GUSTALE CON CHI AMI
In 24/48 ore le eccellenze sono pronte sulla tua tavola. Per conquistare nuovi palati.

Miele di Limoni della Costiera Amalfitana

Fonte naturale di energia, questo Miele di Limoni della Costiera Amalfitana è realizzato in modo completamente biologico con limoni I.G.P. della Costiera Amalfitana. Ha un sapore molto delicato al palato e un bellissimo aroma. Inoltre, è ricco di vitamina C e ottimo per curare l'influenza.

Maggiori dettagli

Questo prodotto non è più disponibile

8,50 €

  • 400 gr.

Contrassegno Disponibile

Dettagli

Tradizione

«Protinus aerii mellis caelestia dona esegua… Maecenas…»

«O Mecenate, in appresso tratterò il dono celestiale dell’etereo miele…»

- Virgilio, Georgiche libro IV

Il miele ha un'origine antichissima. Il termine sembra derivare dall'ittita "melit" e le fonti ne attestano un grande utilizzo presso tutte le grandi civiltà della storia. Nell'antico Egitto troviamo diverse raffigurazioni delle api operaie, utilizzate nei geroglifici come rappresentazione topografica del regno. Molto apprezzato per le sue qualità nutritive e medicamentose, era un alimento riservato ai faraoni (facendo parte dei corredi funebri) e veniva addirittura offerto in dono alle divinità. Inoltre dal lavoro della api si otteneva anche la cera, altro prodotto molto utile.

In Grecia il ruolo fondamentale del miele è attestato in numerosi scritti. Si pensava fosse piovuto direttamente dal cielo come dono degli dei e la figura dell'ape femmina condivideva uno stretto legame con le divinità della fertilità e delle selve. Il miele ricopriva una posizione di grande importanze anche sociale. Il comportamento delle api, nel favorire gli antri e le cavità degli alberi per creare gli alveari, ne ha resa naturale la connessione con il culto dei morti. Omero, descrivendo l'antro di Itaca nell'Odissea, parla di crateri e anfore di pietra dove le api ripongono il miele.

Con l’avanzare delle epoche la componente simbolica e religiosa del miele viene meno, in favore di una più attenta ed organizzata attività produttiva. Virgilio, nel libro IV delle Georgiche, descrive minuziosamente come si allevano le api e si produce il loro frutto. Sempre Virgilio canta la vicenda di Aristeo, il prototipo dell'apicoltore moderno, divenuto un culto diffuso nell'area mediterranea.

La pianta può raggiungere anche i trenta metri d'altezza e forma un tipo di foresta detto "castanetum".

#History #Tradition #Gooty

Scheda tecnica

OrigineCampania
Luogo di produzioneRavello (SA)
ProduttoreAzienda Agricola "Claustrum"
CaratteristicheFonte naturale di energia, questo tipo di miele è realizzato in modo completamente biologico con limoni IGP della Costiera Amalfitana. Ha un sapore molto delicato al palato e un bellissimo aroma.
DegustazioneA colazione con fette biscottate o su pane integrale per un pieno di energia, alternativa allo zucchero nelle bevande calde. Indicato per donne e bambini, l’alto tasso di vitamina C aiuta lo sviluppo di ossa, denti e la produzione di collagene.

Produttore: Azienda Agricola Claustrum

Claustrum è l'azienda agricola del Monastero di Santa Chiara a Ravello, nel fantastico scenario della Costiera Amalfitana patrimonio dell'umanità UNESCO. Qui si realizzano prodotti di eccellente qualità seguendo i procedimenti riportati nelle antiche ricette delle monache Clarisse e, fortunatamente, tramandate fino ai giorni nostri. Le ottime materie prime provengono direttamente dal grande giardino situato alle spalle del Monastero, e tutte le produzioni sono completamente artigianali e fatte a mano, nel pieno rispetto della tradizione.  

Premi e Riconoscimenti

                     





P.A.T.

Prodotto agricolo tradizionale.  Porta con sè tutte le caratteristiche  culturali ed enogastronomiche di un luogo, diventandone testimonianza storica.

BIO

Prodotto Biologico. Le metodologie di produzione sono conformi al Regolamento EU per l'agricoltura biologica.